Invio attestazioni telematiche: Idoneità alloggiative e carte di soggiorno

Per consentire l’interoperabilità con il sistema informativo regionale per la gestione delle istanze sismiche abbiamo adeguato la procedura di presentazione alle specifiche tecniche di trasmissione delle pratiche.

Per approfondimenti sulla modalità di presentazione consulta la FAQ: Come faccio a trasmettere la documentazione per costruzioni in zona sismica tramite il portale?

Questa Amministrazione Comunale ha da tempo avviato un percorso di digitalizzazione dei propri procedimenti e della relativa documentazione amministrativa, così come previsto dal Decreto Legislativo 07/03/2005, n. 82 Codice dell’amministrazione digitale.

 

In particolare il procedimento per il rilascio dell’attestazione di idoneità alloggiativa, previsto dal Decreto Legislativo 25/07/1998, n. 286, art. 29, è inoltrato dai richiedenti all’ente, in modalità telematica e si perviene al rilascio di un’attestazione sotto forma di documento informatico, così come previsto dal Decreto Legislativo 07/03/2005, n. 82, art. 40. L’attestazione in parola è sottoscritta dal responsabile del procedimento con firma digitale.

 

Il documento informatico così formato deve essere trasmesso alle amministrazioni interessate mediante l’utilizzo della posta elettronica, così come previsto dal Decreto Legislativo 07/03/2005, n. 82, art. 47, comma 1 che testualmente recita: "Le comunicazioni di documenti tra le pubbliche amministrazioni avvengono mediante l'utilizzo della posta elettronica o in cooperazione applicativa".

 

Per quanto sopra Vi informiamo che diversamente da quanto avviene oggi, lo scrivente ufficio non emetterà più alcuna attestazione di idoneità alloggiativa in copia cartacea, poichè tale modalità operativa è esplicitamente proibita dal Decreto Legislativo 07/03/2005, n. 82, art. 47, comma 1-bis che testualmente dispone: "L'inosservanza della disposizione di cui al comma 1, ferma restando l'eventuale responsabilità per danno erariale, comporta responsabilità dirigenziale e responsabilità disciplinare".

 

Pertanto, a far data dal 01/11/2017, lo scrivente ufficio provvederà a trasmettere direttamente le comunicazioni all’indirizzo PEC registrato dalla Questura di Milano o ai commissariati di Monza e di Sesto San Giovanni, rilevabile sull’Indice delle Pubbliche amministrazioni (http://www.indicepa.gov.it), così come previsto dal Decreto Legislativo 07/03/2005, n. 82, art. 47, comma 3: urp.quest.mi@pecps.poliziadistato.it.

 

Per quanto sopra i tecnici in indirizzo dovranno necessariamente indicare nelle note della domanda di invio, il commissariato o la questura di riferimento a cui lo scrivente ufficio provvederà a trasmettere a mezzo pec, le attestazione rilasciate dandone comunicazione anche al domicilio digitale del professionista incaricato. Si avverte che in assenza di tale informazione il procedimento non potrà trovare adeguata conclusione.

 

 

AllegatoDimensione
certificato_telematico.pdf38.33 KB